Discorsi di cura. Diari riflessivi per un vocabolario etico

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Luigina Mortari Marco Ubbiali

Abstract

In una società caratterizzata dalla violenza, che passa attraverso gesti e parole, la sfida educativa è quella di dare forma alla socratica epimeleia, un’educazione spirituale per la quale è necessario progettare strumenti in grado di far fiorire l’anima di ciascuno. Tra questi il più potente è quello della parola, “la più immediata ‘incarnazione’ dello spirito”.


Il progetto di ricerca educativa MelArete propone ai bambini esperienze e parole inusuali che sono al fondamento dell’etica occidentale (Socrate-Platone e Aristotele): quelle che parlano di virtù come espressione di cura.


Nel paper viene presentata l’analisi longitudinale, svolta con metodo meticciato (Mortari, 2007), dei “diari delle virtù” dei bambini di 5 anni: strumenti riflessivi nei quali riflettono sull’etica quotidiana, narrandola e dando a essa un nome, elaborando “discorsi di cura”.

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Buone Prassi