Formazione e professional training placement nelle professioni sanitarie: un report sugli esperti della salute pugliesi

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Rosa Gallelli Giuseppe Annacontini Maria Gambatesa Pasquale Renna Viviana De Angelis

Abstract

L’articolo propone un’indagine esplorativa condotta dal gruppo di ricerca Siped-Care su un campione di professionisti della salute e della cura pugliesi, chiamati a muoversi con agilità attraverso setting di conoscenza sempre più complessi e mutevoli in vista della formazione di un Medical professionalism, inteso come “competenza globale” con alte performance di tipo meta-cognitivo, che renda capaci di operare scelte professionalmente valide. La ricerca effettuata rivela l’improrogabile necessità di arricchire di nuove Humanities curriculum formativo e Professional training placement. Ciò renderebbe possibile l’acquisizione da parte dei professionisti della salute di una “epistemologia della pratica riflessiva” e di una formazione alla cura (to care) con cui ripensare in modo inedito agli interrogativi di senso posti al professionista da un sapere della pratica che agisce su un terreno instabile e spesso controverso: quello del dolore umano; e consentirebbe, altresì di riscoprire le radici della soddisfazione lavorativa in contesti che richiedono il mutamento, se non una vera e propria metamorfosi nelle relazioni umane.

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Buone Prassi