Immersività distratta. La nuova economia dell'attenzione negli ambienti digitali

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Graziano Lingua Alessandro De Cesaris

Abstract

Il saggio si concentra sul rapporto tra “attenzione” e “immersività” nell’analisi delle modalità di fruizione dei media digitali. L’obiettivo del saggio è mostrare che queste modalità possono essere adeguatamente comprese solo storicizzando la nozione di “immersività” e mettendo in relazione l’economia dell’attenzione agli ambienti tecnologici in cui i soggetti sono collocati. Per questa ragione, il testo comincia con una analisi differenziata della nozione di “attenzione” e con una breve storia dell’esperienza immersiva dei media (in particolare del concetto greco di enargeia). Attraverso le analisi di Walter Benjamin sulla distrazione e la distinzione operata da Marshall McLuhan tra media caldi e media freddi, gli autori individuano nella disgiunzione di attenzione ed esperienza immersiva la chiave di volta per comprende il nostro rapporto con i media digitali. 

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Saggi
##submission.authorBiographies##

##submission.authorWithAffiliation##

Professore ordinario di Filosofia teoretica presso l'Università di Torino. Membro associato del laboratorio GSRL (EPHE - CNRS, Paris). Co-direttore scientifico del Dipartimento di ricerca "Humanisme numérique" del Collège des Bernardins, Paris. 

##submission.authorWithAffiliation##

Assegnista di ricerca in filosofia teoretica presso l'Università di Torino. Collaboratore scientifico presso il dipartimento di ricerca "Humanisme numérique" del Collège des Bernardins di Parigi.